Home Elettronica e Radiotecnica
 

Clicca per la photogallery

  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
Elettronica&radiotecnica


PILE CHE SI RICARICANO CON UN GESTO PDF Stampa E-mail
Scritto da IZ8LKG Gerardo Web Master ARI Salerno   

L’azienda giapponese Brother Industries Ltd. ha annunciato la presentazione di due prodotti davvero eco-compatibili: pile stilo (AA) o mini-stilo (AAA) che si ricaricano da sole, semplicemente scuotendo il dispositivo in cui sono inserite. Volta a sostituire le comuni batterie di consumo, le pile Brother includono la tecnologia proprietaria VpGB (Vibration powered Generating Battery), capace di produrre una tensione di 1,6-3,2 volt, a seconda del modello, e con una potenza di 180 mW. All’interno del case della pila c’è un generatore di induzione elettromagnetica, che in combinazione ad un condensatore a doppio strato e con capienza di circa 500 mF, fornisce la ricarica necessaria. Le rivoluzionarie batterie, che potrebbero sostituire quelle presenti in tutti i telecomandi, sono state presentate in questi giorni a Tokyo, nella fiera Techno-Frontier 2010. Certamente sarebbe un’ottima combinazione se fossero montate all’interno di un Wii-mote !


 

 
UN FILTRO PER i 144 MHz PDF Stampa E-mail

 

Questo filtro e' nato verso i primi anni '80 quando vicino al mio QTH fu installata una emittente Broadcasting in FM di discretamente alta potenza. La parte ricevente del mio RTX, per effetto del battimento tra l'ocillatore locale e la frequenza di emissione di questa stazione, mi disturbava il segmento di banda dove normalmente si svolgevano i QSO serali con gli amici. Individuato il problema mi serviva un filtro passa banda non particolarmente stretto, per non compromettere quegli spostamenti di frequenza necessari nella normale attivita' radioamatoriale, ma nello stesso tempo che mi eliminasse il battimento. Come si puo' vedere il tutto e' stato costruito in emergenza con gli immancabili componenti del cassetto dei recuperi e cosi' provvisoriamente e' rimasto definitivo. Per la cronaca il filo utilizzato per le due bobine e' stato recuperato dal centrale di due spezzoni di cavo coassiale per TV e nemmeno dello stesso tipo. Logicamente non e' tassativo recuperare tale tipo di filo, indica solamente come sia stato realizzato in emergenza. Ancora oggi continuo ad utilizzarlo per ridurre i disturbi che mi vengono generati sopratutto da segnali Packet. ...cosa volete, l'emittente FM non esiste piu', ma, essendo in una zona radioamatorialmente molto popolata, qualche disturbo e' inevitabile. Non pensate di poter eliminare le interferenze del vicino di casa che modula a 12.5 KHz sopra!

  

 Caratteristiche  

- La larghezza di banda in trasmissione senza dover ritarare e' di circa 2400 KHz (2.4 MHz) con ROS max di 1,2:1

- Potenza ammessa oltre 10 W con normali condensatori ceramici da 63 Vl.

- Reiezione fuori banda soddisfacente in quanto valutata nella pratica e mai misurata.

- Attenuazione di passaggio bassa.

 

Assemblaggio

 

 

 Il contenitore e' un classico TEKO serie 37, o similare. Potete usare il modello 372.16 se intendete montare connettori tipo BNC o il modello 373.16 se invece preferite gli N o i PL. Le dimensioni dei modelli citati sono ripettivamente: 83x50x26 e 106x50x26 mm. I trimmer capacitivi che ho usato sono del tipo a compressione in mica (ARCO 404 da 60 pF), ma se avete dei 30 pF recuperateli tranquillamente e se proprio non riuscite ad accordare mettete in parallelo ad ognuno un condensatore fisso ceramico da 22 a 33 pF. Uno schermo dovra' essere posto tra le due sezioni. Le due bobine sono composte da 5.5 spire di filo (meglio se argentato) da 1 mm avvolte su un diametro di 10 mm e leggermente spaziate (circa 1 mm.). Non aggiungo altro in quanto penso che la foto e lo schema siano di maggior aiuto di tante parole. 

 

Taratura

Collegate da un lato del filtro, che contrassegnerete come ingresso, il trasmettitore ed un Rosmetro. Predisponete il trasmettitore sulla minima potenza erogabile. Dall'altro capo del filtro, che contrassegnerete come uscita, un Watmetro con carico fittizio o se non li avete, l'antenna. Selezionate sul trasmettitore la frequenza di centrobanda che desiderate, ad esempio quella che usate normalmente nei vostri QSO. Andate brevemente in trasmissione e con un cacciavite antinduttivo regolate alternativamente i due compensatori per il minimo ROS. Ripetete piu' volte questa operazione per affinare al massimo la taratura.

 

 

 
ECONOMIC POWER SUPPLY 13,8 V PDF Stampa E-mail

Gli alimentatori switching per PC si trovano per pochi euro alle bancarelle del surplus nelle fiere per Radioamatori e questi hanno tensioni d'uscita ideali per esperimenti da laboratorio o per alimentare apparati radio ricetrasmittenti funzionanti a 13,8V. Il vantaggio di questi alimentatori è la loro compattezza e la capacità di fornire correnti alte. Le tensioni d'uscita sono tuttavia standard come +5V e +12V. Nel caso si volesse alimentare un apparato ricetrasmittente per bande radioamatoriali dove di norma è richiesto 13,8 V, il +12V sarebbe leggermente inferiore al necessario. Funzionerebbe anche a soli 12V ma è possibile con piccole modifiche regolare l'uscita al valore di 13,8V mediante l'aggiunta di un trimmer per la regolazione come qui sotto indicato. Si tratta del modello Allied Premier DR-B300ATX.

 

Come mostrato nella figura si tratta di individuare a sinistra dell'integrato tre resistenze fra loro in parallelo contraddistinte da quei colori, e saldare ai loro capi un trimmer da 220K preregolato circa a metà e regolato poi per ottenere l'uscita desiderata. Il filo viola (Power Good) va collegato al filo rosso +5V e informa l'elettronica che tutto funziona se ci sono i 5V. Il filo verde va messo a massa anche solo momentaneamente all'accensione. Ho preso in esame un altro vecchio (1995) switching da 190 (200) W che al suo interno prevede già un trimmer per la regolazione ma che non permette ugualmente di raggiungere i 13,8 V. Basta però aggiungere in parallelo alla resistenza da 3,3 K un'altra resistenza da 22K così da permettere una regolazione della tensione d'uscita al valore desiderato di 13,8V attraverso la taratura del trimmer. Per un Per un regolare funzionamento il filo arancione DC-OK (Power Good) va unito al +5V. Con questo tipo di switching per poter ottenere tensione e poter prelevare corrente sul +13,8V si deve caricare il +5V attaccando tra il +5V e massa due resistenze in parallelo da 8,2 Ohm di potenza minimo 5W cadauna. La tensione d'uscita di 13,8V (a vuoto regolata mediante il trimmer) passa a 13,2 V con una corrente di carico di 5A.

Leggi tutto...
 
Interfaccia PSK31 PDF Stampa E-mail

Interfaccia PSK31- RTTY- CW per Yaesu FT-817

L'FT-817 è un transceiver molto apprezzato per le sue performances molto spinte pur essendo quasi tascabile. Questa interfaccia permette di collegarlo ad un PC (o notebook) per operare, anche in portatile, nei modi digitali.


INTERFACCIA FT-817 PORTA SERIALE DB-9

A cura di Antonio Sorrentino I8SWZ

 
BEACON QRP/p IN BANDA 10 METRI - 28.322 MHz PDF Stampa E-mail

Ciao a tutti,

come avrete sicuramente letto sulle ultime R.R. sta crescendo un certo interesse verso le trasmissioni in QRP con i cosiddetti modi lenti (QRSS).

Parlandone nella nostra e sezione e invogliato da Antonio IK8SUT, ho cercato in rete qualche schema di facile autocostruzione; ho trovato un circuito a questo link http://www.ik0vve.net/mept4.aspx che utilizza un i.c. ( 74HC240 ) + un canned oscillator a 28,322 Mhz e pochi altri componenti; potenza erogata intorno ai 100mW.

Per automatizzare il msg si usa un circuito costruito intorno ad una PIC 16F84, ecco il link http://www.hamlan.org/tech/picbeacon/picbeacon.htm ; modificando opportunamente l’hex della pic si inserisce il nominativo, il locator e il tipo di emissione ( cw a 10 wpm e/o QRSS modo 3).

Abbiamo autocostruito un prototipo di cui allego una foto e, sperando in qualche apertura di e-sporadico (siamo in 10 metri con 100mW), stiamo aspettando qualche conferma di ricezione.

Il canned oscillator e’ reperibile presso la ditta Esco http://www.esco.it facendo la ricerca con la parola “oscillatore”.

Leggete pure su yahoo, sezione gruppi “28322” per essere aggiornati sugli sviluppi di questa attivita’.

Per altre info potete contattarmi via e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o per chi puo’ venendo in sezione.

E' possibile scaricare il file .ZIP che contiene tutto il materiale relativo a questo progetto CLICCANDO QUI.

 

 
FULMINI E... PDF Stampa E-mail

Ciao a tutti, eccomi con una nuova diavoleria, un rilevatore di fulmini! Come è nata questa passione? Mbè proprio un anno fa a Salerno ci fu un violento e veloce temporale e fui colpito … ahimè, ad un’antenna, la quale venne completamente distrutta ed ebbi dei danni a degli RTX, che volete farci è un rischio calcolato!!

Proprio in relazione a questo mi misi alla ricerca di un qualche progetto per rilevare l’approssimarsi dei fulmini e in internet ho trovato una caterva di kit e progetti vari, ma la maggior parte di questi progetti permette di sapere della presenza di fulmini in zona, ma non dà la possibilità di sapere dove in quel momento si trovano e che direzione stanno prendendo. Per la verità c’è anche un progetto fatto da un gruppo di appassionati che però fanno affidamento ad una triangolazione fra le varie stazioni per stabilire la loro posizione, ma come al solito sono pochi e non tutte le zone sono coperte e quindi si rischia di non stabilire dove si trovano questi maledetti fulmini.

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Pagina 1 di 2
Copyright © 2017 A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani - Sezione di Salerno - IQ8BB. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Seguici su

 

free counters