Home Archivio Notizie ABRUZZO: ATTO SECONDO
Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.
 

Clicca per la photogallery

  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
  • Clicca per la photogallery
ABRUZZO: ATTO SECONDO PDF Stampa E-mail

Ai primi di luglio scaricando la posta ho trovato varie email dello stesso mittente, la cosa mi meraviglia un po’. Sono di Alfredo Migliaccio I8IEM, il responsabile nazionale di Protezione Civile dell’ARI, la mia associazione. Il Dipartimento di Protezione Civile aveva chiesto di continuare l’assistenza  ai C.O.M. e al D.I.COMA.C. in Abruzzo.
Cosa nuova per noi dell’A.R.I. che da sempre abbiamo gestito solo il primo intervento, organizzando nelle ore seguenti il disastro la rete radio , ripristinando i collegamenti con le zone interessate e i soccorritori, rimanendo attivi fino al ripristino dei collegamenti ufficiali ( telefoni, energia elettrica). Erano passati quasi tre mesi da quel tremendo giorno e lo “sciame” di assestamento ancora continuava.
A rotazione si erano dati il cambio nelle sedi arrangiate dei Com decine e decine di colleghi radioamatori di tutte le regioni italiane. Ora dopo tanto tempo, la cosa “nuova “ per noi aveva lasciato il nostro Alfredo un po’ spiazzato, ma da ottimo leader, aveva utilizzato tutti i mezzi a sua disposizione per ricercare ancora operatori per continuare a far dialogare i 7 Com  più il  Dicomac con i numerosi campi tenda.
Senza pensarci due volte rispondo subito ad Alfredo e al mio presidente della sezione Ari di Salerno Giuseppe Pacifico essendo io il suo vice e responsabile della sala radio della Prefettura, “Alfredo disponi pure di me e di un altro operatore dell’ ARI di Salerno, per qualsiasi periodo tu abbia bisogno. ” Vista la mia disponibilità a coprire qualsiasi periodo, Alfredo mi contatta e mi chiede di coprire quello di agosto, periodo di  “ferie” con conseguenza scarsità di operatori.
Dobbiamo essere li a Paganica, una frazione dell’Aquila, il primo agosto e rimanerci fino all’otto, io Marcello Cafaro IK8DNJ e Orlando Sica IZ8IBF. Confermo immediatamente.
Fremevo per mettermi a disposizione del popolo aquilano, abruzzese, poter dare il mio contributo a quella povera gente colpita dal sisma.
Sentivo la stessa forza interna di quando mi apprestavo a prepararmi per le partenze nelle favelas del Brasile ,di quando ci si inventava lavori, lotterie,  mercatini, per raccogliere fondi per progetti di solidarietà, di quando sono impegnato nel Banco Alimentare Caritas per le famiglie in difficoltà.
Carico di queste motivazioni, non curanti delle polemiche sterili e politiche di qualche sezione, di qualche comitato regionale, contro la linea seguita dall’ARI nazionale per la gestione di questa fase, io e il mio (permettimelo Orlando) più che amico, “figlioccio” (visto che ho l’età di tuo padre), siamo partiti.
Arrivati in mattinata del primo Agosto a Paganica, un tuffo al cuore, un ritorno a 30 anni fa, “il terremoto dell’Irpinia” vissuto in prima persona, con le case dei nonni paterni e materni crollate .
Ci siamo subito presentati al comandante del COM per la registrazione e poi l’avvicendamento ai ragazzi della sala radio che ci hanno passato le consegne e le “chiavi” dell’intero COM.
Il COM era situato in una moderna struttura adibita a scuola materna dove erano presenti tutte le funzioni, invece la sala radio era situata in un container messo nel giardino della scuola.
Tutte le funzioni all’interno del COM chiudevano alle 18:00 ad eccezione nostra, della sala radio che doveva essere operativa H24, quindi ecco perché mi avevano consegnato le “chiavi”.  Dalle 18:00 alle 8:00 del mattino seguente al COM c’eravamo io e Orlando.
Gli otto giorni comunque sono passati in un baleno, tra le due prove di sintonia giornaliere con DICOMAC e i nostri campi tenda, le varie richieste, informazioni, fax, fonogrammi espletati c’era anche il tempo per qualche collegamento.
Con Orlandino avevamo montato la I1UJX e gli stili Eco su calamite e la 770 per le Vhf e Uhf sempre su calamita attaccata al container.
DX70, TM731E, IC E7, IC E90 , le radio; il notebook Pentium III 800 Connesso via Wi-Fi ad Internet, attivi su tutte le bande e modi, compresi APRS, PSK31...e su alcuni software come SKYPE, MSN MESSENGER. Giunto il giorno della partenza, i saluti, i ringraziamenti. Invece siamo noi, a dover dire grazie agli abruzzesi, agli aquilani, due nomi per tutti, Giovanna e Graziella e al cane di tutti, Zampanò, grazie, oggi siamo migliori di ieri.

Marcello Cafaro, IK8DNJ

Vicepresidente Sezione ARI di Salerno

 
Copyright © 2019 A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani - Sezione di Salerno - IQ8BB. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Seguici su

 

free counters